La Fondazione Senza Frontiere
sempre a fianco del popolo Brasiliano

Dona ora...

@-lato 5/2013 del 9.10.2013

alt

Ci sono cose che accomunano le vite di tutti noi e attorno alle quali ruotano le nostre giornate: mangiare, muoversi, usare energia, ad esempio. Ci muoviamo per lavorare. Chi un lavoro ce l’ha. Ci muoviamo per andare a scuola. Peccato che non per tutti sia facile arrivarci. C’è chi affronta il problema della malnutrizione nel mondo. E chi sta pensando a come recuperare gli sprechi del cibo in eccedenza. Stessa cosa per l’energia: diminuire gli sprechi, immagazzinarla per gestirla meglio. In tutti questi ambiti serve efficienza e sostenibilità.
Parole d’ordine che ritornano molte volte negli spunti di questo numero…

@-Lato n° 5 del 9 ottobre 2013

Agenda: appuntamenti di attività e incontri per riflettere, conoscere, cambiare...

ENERGIA E AMBIENTE - Green Economy
La valorizzazione del Territorio - L’uso efficiente delle risorse
UNA SCELTA STRATEGICA PER LA COMPETITIVITA’ DELLE IMPRESE
Isola della Scala (VR) - 10 Ottobre 2013 Ore 16,30
Convegno.
Presso Sala Civica “Ex Chiesetta dei Frati” - Via Roma

Corso Base di Informatica per tutti
Presso Centro Studi Castelli - Castel Goffredo (MN), dal 15 ottobre 2013

alt

10 incontri serali per capire ed utilizzare al meglio il computer e tutte le sue potenzialità. Dal 15 ottobre tutti i martedì dalle 18.00 alle 19.30. Dall’utilizzo di M. Word ed Excel , alla creazione di un account di posta elettronica, fino al web e all’utilizzo consapevole dei social network.
Consulta il programma dettagliato.

Giornata Mondiale del Cibo
16 ottobre 2013

alt

Fin dalla sua prima edizione, tenuta nel 1980, il World Food Day si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulla delicata questione della fame.
Istituita il 16 ottobre per iniziativa delle Nazioni Unite, la Giornata cerca di riunire attorno alle sue campagne i principali attori del settore per trovare soluzioni efficaci e sostenibili nell’ambito della nutrizione e dell’alimentazione.
Il tema principale di quest’anno verte proprio sui “sistemi di cibo sostenibile per la sicurezza dell’alimentazione e della nutrizione”. È inoltre necessario rivalutare profondamente anche gli stili di vita alimentari e di produzione agricola dei paesi più sviluppati, evitando sprechi superficiali di materie prime,  al fine di salvaguardare il futuro del nostro pianeta.

Giardini del Benaco: una rassegna sulla progettualità sostenibile
Gardone Riviera (BS), 12-13 ottobre 2013

Si chiude a ottobre la quarta rassegna de “I Giardini del Benaco”, un evento dedicato al paesaggio, all’architettura e all’economia. Una due giorni di kermesse per un weekend di natura e filosofia green, che si terrà il 12 e il 13 ottobre all’Auditorium del Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera. Tutte le informazioni sulle modalità di partecipazione, quest’ultima gratuita con l’obbligo di prenotazione anticipata, possono essere richieste allo 0365.294.605 o via mail all’indirizzo  turismo@comune.gardoneriviera.bs.it.

Stoccaggio di energia per la mobilità sostenibile
Convegno a Mantova il 14 e 15 ottobre 2013, presso la Fondazione "Università di Mantova" Aula Magna. Ingresso gratuito.

alt

Il simposio pubblico esaminerà in modo approfondito le energie rinnovabili e lo stoccaggio di energia, descrivendo la situazione lombarda e sottolineando le prospettive e le opportunità future. www.agirenet.it

 

Spunti e consigli: dati, approfondimenti e riflessioni per un mondo che cambia

Ratio Famiglia 2/2013

Il mensile on line gratuito per aggiornare le persone, cittadini, contribuenti eprivati su quanto le circonda: uno strumento per la gestione l’economia quotidiana e per essere consumatori più consapevoli.
In questo numero:
- Avvio dell’attività d’impresa
- Redditometro: se lo conosci, forse, lo eviti
- Compensi erogati nell’esercizio di attività sportiva dilettantistica
- Come e quando è possibile richiedere un anticipo del TFR
- Efficienza energetica negli edifici
- Novità IMU e Service Tax
- Taeg: uno strumento utile per analizzare il proprio rapporto
  con le banche
- Regole per l’utilizzo di internet banking
- Come si compila una cambiale e qual è il suo utilizzo
- “Elettrodomestici” – l’app per risparmiare
- Il Nuovo Codice della Strada
- Car Pooling – mobilità sostenibile o scelta di risparmio?
- Un consumatore ignorante vittima di se stesso
- La privacy sul web
- Cosa sono i G.A.S.?

Leggi i contenuti

alt

Il benessere sul posto di lavoro fa bene alla produttività   

Produttività e benessere dei lavoratori. Due elementi inseparabili secondo l'OSHA, l'Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro, che ha recentemente organizzato una conferenza ad Helsinki sull'argomento con l'obiettivo di delineare il percorso per rendere i posti di lavoro europei più sicuri, salubri e dunque produttivi. Insomma, un lavoratore felice è, in teoria, più sano e produttivo ma il concetto di Waw (wellbeing at work - benessere al lavoro) è effettivamente di difficile definizione e misurazione considerando la variabilità delle componenti di carattere psicologico, sociale, culturale.....continua a leggere

I frutti di bosco: perché fanno bene?

Sono frutti buoni, anche se delicati, e fanno bene alla salute oltre che essere una gioia per gli occhi. Negli ultimi anni sono stati molto rivalutati per le loro proprietà benefiche.  Possiamo farli crescere nel nostro orto, anche in vaso o in giardino, con gli accorgimenti del caso perché non sempre la loro coltivazione è semplice.
La fragolina di bosco, pianta erbace delle rosacee, è uno dei frutti più golosi che conosciamo: contiene vitamina C, fosforo, calcio e ferro.
Il mirtillo sia rosso che nero è una bacca, molto elogiata dagli esperti di alimentazione e dai medici per le sue proprietà: una vera e propria farmacia naturale per la presenza di vitamina C e A e soprattutto per gli antociani che hanno un’azione antiossidante, sono antivecchiamento perché combattono i radicali liberi e fanno bene alla circolazione sanguigna, specie a livello di capillari, svolgendo un’azione antinfiammatoria. Inoltre proteggono dai tumori.
Il ribes appartiene alla famiglia delle Grossulariaceae, ed è un arbusto con frutti sono rossi o neri, in questo caso si chiama anche uva spina. Si può coltivare in giardino e fruttifica tra agosto e settembre.
Generalmente i frutti si mangiano così come si trovano, in macedonie oppure possono guarnire torte e crostate alla frutta ma anche come salsina per accompagnare la carne di maiale. Da non dimenticare che il ribes ha proprietà antinfiammatorie e diuretiche.
Il lampone appartiene alla famiglia delle rosacee ed è un arbusto che produce frutti di colore rosato il cui sapore è tra il dolce e l’acido. Contiene vitamina C e tannini che hanno effetti benefici a livello di circolazione sanguigna, antinfiammatoria, antibiotica e antivirale.

 alt

 solidarietà 1, spreco 0!

Ecco alcuni esempi di come la solidarietà combatte lo spreco e cerca, nel suo piccolo, di porre rimedio agli squilibri insensati che vedono da una parte le ristorazioni, i bar, i supermercati gettare via cibo invenduto seppur in buono stato mentre dall'altra parte ci sono famiglie, spesso con bambini, che non hanno da mangiare. La legge 155/2003 detta "del Buon Samaritano", consente la raccolta di piatti pronti e alimenti freschi in perfetto stato, che risultano invenduti e che quindi verrebbero distrutti; ci sono associazioni nate con lo scopo di recuperare dagli esercizi commerciali gli avanzi di cibo in buono stato e in modo da donarli alle famiglie bisognose. Cosi nascono "pasto buono" ( http://www.pastobuono.it)  che fa parte di QUI Foundation (onlus di un'importante azienda italiana di ticket restaurant), Last minute market ( http://www.lastminutemarket.it) spin-off del'Università di Bologna o la fondazione Banco alimentare ( http://www.bancoalimentare.it/ )

Il libro

Il film

Basta poco
di Antonio Galdo, 2011 Einaudi

Vado a scuola
di Pascal Plisson

alt

alt

Basta poco per cambiare il mondo, passo dopo passo. E basta poco a chi vuole vivere bene, felice e senza sprechi. L’autore ritorna sul necessario (e possibile) cambiamento del nostro modello di consumo e di sviluppo, raccontando le grandi idee che potrebbero salvare il pianeta, ma anche i comportamenti quotidiani che migliorano il mondo intorno a noi. Se la crisi globale rischia di rendere tutti più poveri, forse vale la pena di riscoprire la sobrietà; se l'inquinamento e lo sfruttamento delle risorse naturali sta minacciando il nostro futuro, forse bisogna capire che si può vivere meglio con meno; se le nostre giornate sono assediate dal lavoro, dal traffico, dallo stress, forse si può tornare a un rapporto più equilibrato con il tempo e lo spazio che ci circonda. Come possiamo liberarci dalla dipendenza del petrolio? Come possiamo utilizzare meglio gli strumenti tecnologici che abbiamo, senza farcene dominare? Come tornare al piacere della normalità, senza finire nell'ossessione della decrescita? Un libro di storie da tutto il mondo, alla frontiera dell'innovazione, ma anche della dimensione individuale delle nostre scelte quotidiane.

“Vado a scuola” racconta come 4 ragazzi, tra gli 11 e i 13 anni, in 4 angoli sperduti della terra affrontino ogni giorno ore di cammino, a rischio della loro stessa vita, pur di arrivare a scuola. E come lo facciano sempre con il sorriso sulle labbra, consapevoli di quanto l’istruzione sia la loro grande, irripetibile  possibilità. Le storie si intrecciano, i bambini non sono mai in posa, ma ripresi “al naturale” nei loro dialoghi con i familiari.
La storia forse più commuovente è quella di Samuel. Per portarlo a scuola i fratellini devono spingerlo per un’ora e mezza su una carrozzina sgangherata che rischia di perdere  i pezzi. I quattro ragazzi non affronterebbero quei sacrifici, quei pericoli, se i genitori, pur poverissimi e ignoranti, non li aiutassero. Sono sorridenti e fiduciosi perché pensano – e a ragione – di avere in mano le redini del proprio futuro. Un grande esempio per noi, figli del benessere che non sappiamo più riconoscere i grandi privilegi che abbiamo.

L'occupazione in Italia

Hanno attirato molta attenzione e sono state riprese e citate dai media le ultime rilevazione dell’ISTAT relative all’occupazione in Italia.
Ma più di molte parole e commenti, sono immediatamente comprensibili a colpo d’occhio gli andamenti lineari dei due grafici che proponiamo: il numero totale di occupati e il tasso di disoccupazione. Considerati nel loro andamento degli ultimi 12 mesi (Agosto 2012 – Agosto 2013).
Sul sito www.istat.it sono disponibili, chiaramente, molti altri dati ed approfondimenti.
Tasso di disoccupazione in Italia negli ultimi 12 mesi
Numero totale di occupati in Italia negli ultimi 12 mesi

Responsabilità: affrontare le nuove sfide quotidiane

Certificazione energetica: in Lombardia 1.000 edifici in classe A+

Sono oltre 1.000 i “green building” già edificati sul territorio lombardo. Secondo i dati del Catasto energetico edifici regionali, infatti, gli Attestati di certificazione energetica in Classe A+ sono passati dagli appena 33 del 2011 agli attuali 1.009.
Si tratta, in particolare, di edifici progettati e costruiti in modo da garantire un consumo energetico annuo inferiore ai 16 chilowattora per metro quadro. Agli immobili più virtuosi si aggiungono inoltre circa 6.200 edifici in Classe A e altri 44.000 in Classi B, per il 90% adibiti ad uso residenziale.
Le abitazioni con i migliori standard di certificazione energetica sorgono per il 25% nell’area di Milano, seguita da Brescia con il 21% e Bergamo con il 14%. I 29 esempi considerati più virtuosi sono stati inseriti nel volume “LombardiA+: l’edilizia a consumo quasi zero in Lombardia”, edito da Finmeccanica.

Un consumatore ignorante vittima di se stesso. I marchi di denominazione d’origine come tutela di qualità
di Nicola Bini  - Tratto da Ratio Famiglia

Mi capita poche volte di entrare in un super o ipermercato per acquistare prodotti alimentari e sinceramente in quelle occasioni avrei bisogno di un “insegnante di sostegno”: non trovo mai nulla.
continua a leggere

Turismo responsabile: il viaggio è scoperta e rispetto

Budapest, la capitale europea del turismo da bicicletta

alt

Il paradiso europeo del turismo sostenibile si chiama Budapest. La Capitale dell’Ungheria, caratterizzata da un territorio prevalentemente pianeggiante con dolci rilievi e da una storia millenaria che l’ha resa una città variegata dal punto di vista architettonico, è famosa in tutta l’Europa per la presenza di strade amiche dei ciclisti, con piste dedicate sulle quali è possibile andare alla scoperta dei suoi segreti più nascosti.
Sono più di trecento i chilometri percorribili pedalando e in centro si può fare ricorso al servizio di bike sharing della città che si chiama Bubi (Budapest Bicikli).
La visita di Budapest può cominciare dal parco che ospita la famosa piazza degli Eroi, dove, per altro, passa la strada per bici più grandiosa della Capitale, la Andrassu ùt. Pedalate senza sosta fino alla Sinagoga più grande del Vecchio Continente. Ma i primati di questa città non si esauriscono qui: concedetevi qualche ora di relax nell’enorme complesso termale terapeutico di Széchenyi, il primo in Europa; un edificio spettacolare, con piscine aperte anche d’inverno, grazie all’acqua calda e ai vapori ricchi di sali minerali naturali.
Non perdetevi un giro, a piedi questa volta, nei mercati coperti. I padiglioni risalgono al 1890: qui il tempo sembra essersi fermato. Infine, da non perdere è il cuore verde della città, l’Isola Margherita. Con i suoi 96 ettari di estensione, è una vera e propria lingua di terra in mezzo al Danubio, dove si trovano una fonte termale, lo zoo, il roseto e il giardino di roccia.
Non dimenticate il casco: qui è obbligatorio e la regola è osservata dai cittadini scrupolosamente!

@-Lato è un Laboratorio Culturale e un servizio di informazione che si rivolge a tutti coloro che sono interessati ad approfondire il tema di un’esistenza sostenibile alla luce di una realtà globale in cambiamento che offre opportunità, porta con sé insidie e richiede sguardi, pensieri e soluzioni diverse, laterali.
Oltre a segnalare appuntamenti e occasioni di confronto vogliamo offrire consigli di sopravvivenza sociale ed individuale. Accogliamo suggerimenti e segnalazioni di tutti. Scrivici per partecipare, per dare visibilità ad un’iniziativa o anche soltanto per farci una critica a  alato.info@gmail.com
. Altrimenti, che laboratorio è?


Laboratorio culturale @-Lato
 alato.info@gmail.com - tel. 0376-77.51.59/53 

Fondazione Senza Frontiere - Onlus - Via S. Apollonio n. 6 - 46042 Castel Goffredo (MN) - Italia
Codice Fiscale n. 90008460207 Partita IVA n. 01887890208
INFORMATIVA PRIVACY
Titolare del trattamento è la FONDAZIONE SENZA FRONTIERE - ONLUS, con sede in 46042 Castel Goffredo (MN), via S. Apollonio n. 6; Responsabile del trattamento dati è Castelli Anselmo.
Per i diritti di cui all'art. 7 D.Lgs. 196/2003 e per l'elenco di tutti i responsabili/incaricati del trattamento rivolgersi al Responsabile del trattamento reperibile come segue: Tel. 0376781314 - Fax. 0376772672, E-mail
 privacy@senzafrontiere.com.
Il trattamento sarà svolto dal titolare e dai soggetti incaricati dalla Fondazione, secondo apposita autorizzazione. L’informativa completa è disponibile all’indirizzo www.senzafrontiere.com. Per non ricevere altre comunicazioni cliccare qui.