​1° Semestre a Santa Teresa d’Avila: bilancio più che positivo

Le attività 2017 al progetto Santa Teresa d’Avila sono iniziate il 27 gennaio con la visita di alcune associazioni che sostengono il nostro centro e che ogni anno offrono materiale scolastico e giochi per i nostri ragazzi. Lo stesso giorno si è tenuto un incontro di aggiornamento per i nostri insegnanti, coordianto dalla nostra referente pedagogica, Antonia Maria. È stata anche un’occasione per noi del progetto per passare del  tempo insieme, abbiamo pranzato tutti insieme anche ad Anselmo Castelli.
Le attività con i bambini sono iniziate il 7 di febbraio: sono stati accolti dagli insegnati e da un’abbondante colazione, per poi iniziare con la capoeira e i balli di gruppo. Successivamente è stato proiettato un cartone animato che racconta la storia delle origini africane di un bambino brasiliano e delle sue vicessitudini.
Il 9 febbraio si è tenuto un incontro con i genitori per illustrare loro gli obiettivi e le finalità el Progetto e per sottolineare l’importanza della collaborazione con le famiglie per l’educazione dei ragazzi. Abbiamo inoltre illustrato le regole interne del progetto. 



Alla fine di febbraio in Brasile si festeggia il carnevale e, anche nel nostro progetto, abbiamo festeggiato e fatto tanti lavori dedicati a questa importante ricorrenza.
Nel mese di marzo, oltre alle consuete attività formative, abbiamo festeggiato la giornata internazionale della donna, precisamente l’8 marzo. Abbiamo proposto laboratori e incontri di approfondimento sulla salute delle donne, visite mediche specifiche, colloqui sulla prevenzione e l’igiene personale a cui hanno partecipato tante mamme del prgetto. 
Il 21 marzo si è tenuto un incontro di aggiornamento e formazione per gli educatori dedicato al tema della fratellanza e della solidarità.
Il 22 aprile si è svoltala festa di Pasqua con danze e teatro dedicato alla ricorrenza: grande è stata la partecipazione delle famiglie della comunità.
Il 16 maggio si è tenuto un incontro di formazione dedicato al ruolo della madre come guida e pilastro della famiglia e l’importanza delle donne nella comunità. Grande è stata la partecipazione delle madri, nonne, zie di tutto il bairro.
Il 25 si è tenuto un incontro dedicato all’alcool e alle droghe e sulla preoccupante diffusione di questi nella comunità, sopratutto tra i giovani. L’infermiera Cristiane Andrade, anche segretaria del progetto, ha illustrato i danni di queste sostanze sul finisco e sulla mente dei giovani e sulla loro crescita. Ha spiegato inoltre l’importanza della famiglia e delle figure educative per i ragazzi.